Vai al contenuto
Tiger

La leggenda dello Scoglio dell’Ulivo (Calabria – Palmi)

Recommended Posts

~

Lo scoglio dell’ulivo è un po’ l’emblema di Palmi,
cittadina sulla costa calabrese,
immortalato anche in un francobollo emesso nel 1987.

Il giornalista e scrittore Domenico Zappone scrisse “Leggenda di un albero”
che ci permette di immergerci nel fantastico mondo dei miti.
Ci culla, con magia misteriosa, lasciandoci affascinati con lo stupore
e l’incanto dei bimbi davanti ad una gradevole scoperta.

Non tutti conoscono la leggenda legata allo scoglio dell’ulivo di Palmi.

Pare che in un tempo lontano,
prima che una forza divina le incatenasse alle azzurre grotte del Mediterraneo,
le Isole Eolie vagabondassero per il mare.
“Ruotano su se stesse… percorse da un lieve sussulto . scattano come furie pel mare.
Il sole le illumina e il Mar Mediterraneo diviene uno specchio argenteo”.

Immediatamente dopo la creazione grossi macigni incandescenti franavano giù dalle vette mentre
il mare ribolliva e friggeva …. tutto era rosso, nero …. Infernale ….
Le coste sono foreste di ulivi alti come torri “forti e giganti”
con le chiome grigio-argentee che si muovono al vento.

Le Isole Eolie, videro i primi ulivi e se ne innamorarono,
tanto che si muovevano fin qui desiderandone anche un solo ramo…
Fu allora che un uccellino pietoso scelse la più piccola delle isole e vi lasciò cadere sopra un seme di ulivo. Il seme lottò contro i venti, le onde e riuscì a resistere spremendo dalla roccia succhi di vita e CREBBE.
Oggi l’ulivo vive su questa piccola isola con le sue radici si è incatenato al fondale marino di una misteriosa e segreta conca, anfratto.
Le isole Eolie, continuano a cercare la piccola sorella perduta e ne piangono la triste sorte.
La piccola isola, le vede.
Si dispera, vorrebbe farsi vedere, chiamarle, ma non può.
Le resta soltanto di muovere “la selvaggia chioma popolata di nidi e di uccelli dell’albero d’ulivo” .

ulivarella1.jpg?resize=300%2C200&ssl=1

View the full article

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×